FORMULA

Tutti uguali i caricabatterie per officina?

L’interrogativo vuol insinuare un dubbio a chi sia convinto che non ci siano differenze apprezzabili tra le attrezzature per il service batteria. Per operare adeguatamente sui sistemi complessi di gestione dell’energia e sulle batterie di più recente generazione presenti a bordo dei veicoli, sono necessarie attrezzature con un contenuto tecnologico adeguato, come quello garantito dai caricabatterie Bosch della serie BAT 415/430/490. In particolare, il BAT 490 consente di operare su impianti a 12 e 24 V, rilevando automaticamente la tensione su tutti i tipi di batterie: da quelle tradizionali alle più sofisticate AGM. Specifiche funzioni di protezione evitano possibili danni ai componenti dell’auto causati da inversioni di polarità, sovraccarichi, surriscaldamenti, corto circuiti o picchi di tensione. Le potenzialità del caricabatterie BAT 490 si comprendono esaminandone le ampie funzionalità. Innanzitutto la ricarica, che può avvenire secondo due modalità:

Standard, che attua una strategia ottimale per una ricarica automatica nel rispetto delle condizioni limite di tensione, erogando una corrente iniziale adeguata allo stato di carica e concludendo la ricarica senza danneggiare la batteria.

Avanzata, che permette di impostare manualmente i parametri. In particolare, è possibile innalzare il livello di corrente, per una carica più rapida, e la tensione, per raggiungere il 100% di stato di carica della batteria (non ottenibile con la carica standard a causa della protezione da sovraccarica necessaria per alcune tipologie di batterie). Permette inoltre di impostare e mantenere una corrente molto bassa (per una carica estremamente dolce e un basso consumo di acqua) e di settare i parametri per la carica di batterie speciali, non automobilistiche. Oltre alla ricarica, è possibile operare con il BAT 490 attraverso due ulteriori funzionalità che ne ampliano le possibilità di utilizzo:

Modalità tampone, che consente di mantenere lo stato di carica della batteria durante le operazioni sul veicolo a motore spento. Ad esempio, durante la diagnosi si verificano condizioni di assorbimento di corrente di oltre 50A, che rischierebbero di scaricare la batteria se non reintegrati immediatamente dal caricabatterie. Risulta fondamentale poi, in questa modalità, poter impostare manualmente il limite minimo di tensione da mantenere durante la diagnosi, così come richiesto da alcuni costruttori auto, o nel caso della riprogrammazione delle centraline con procedura pass-thru (normativa Euro 5).

Modalità back-up. E’ possibile collegare il BAT 490 al circuito elettrico del veicolo, al momento del distacco della batteria da sostituire, allo scopo di mantenere le memorie attive e salvaguardare le centraline. Con questa modalità il caricabatterie eroga una corrente bassa, autolimitata e regolabile, consentendo di operare in completa sicurezza. Sul BAT 490 si opera con semplicità: attraverso lo schermo e i pulsanti di comando si viene guidati nei menu di impostazione e si può seguire l’andamento della carica. Inoltre, è possibile verificare dai led di stato la tipologia di procedura in corso. Le funzionalità estese, le capacità di lavoro, la flessibilità e le ampie personalizzazioni possibili rendono il caricabatterie BAT 490 uno strumento affidabile e universale, al passo con le tecnologie moderne, in grado anche di anticipare le future esigenze degli operatori.